Le fragranze nei cosmetici

filipendula-ulmaria-1526400_1920

L’approccio agli oli essenziali e alle fragranze, a volte, è troppo “leggero”, il “fai da te” impazza, in rete e non.

Naturali o di sintesi che siano queste miscele aromatiche vanno utilizzate con molta cautela e delicatezza ancor di più se contengono allergeni*

Le essenze, o oli essenziali da cui le fragranze derivano sono quanto di più chimico esista in natura.

La loro composizione è pura chimica, concentrata in ogni suo componente: aldeidi, chetoni, acidi aromatici, terpeni sono i nomi dei composti chimici maggiormente presenti nella composizione degli oli.

Il classico esempio di sostanze naturali che contraddicono in pieno il detto: “E’ naturale e quindi male non fa”.

Gli oli essenziali da tempo immemore sono utilissimi ma vanno utilizzati con sapienza e cognizione.

backhousia

Backousia citriodora

Così anche le fragranze.

Il “fai da te” va bene ma mai come in questo caso è meglio non esagerare affidandosi a chi ne sa di più; mai improvvisarsi esperti.

Oggi la pelle vive una situazione di disagio causata soprattutto dall’ambiente e dal modo in cui viviamo.

L’inquinamento, le polveri, i radicali liberi, il nostro stile di vita rendono la sua vita difficile tutti i giorni, domeniche e festività comprese.

Allergie e intolleranze sono all’ordine del giorno per una pelle diventata ipersensibile.

Se in più utilizziamo prodotti carichi di fragranze con note molto decise non facciamo altro che peggiorare la situazione mettendo la pelle ancor di più in difficoltà.

teatree

Melaleuca alternifolia, Tea tree 

Quindi?

Niente più profumazione, niente più emozioni all’applicazione di un siero o di una crema giorno?

Assolutamente no, basta che le formulazioni siano delicate, non contengano allergeni, per altro segnalati nella formula i.n.c.i. (international nomenclature cosmetic ingredients) presente sulla scatola del cosmetico.

Note lievi e delicate di fragranze prive di allergeni che profumano in modo discreto ma elegante.

Un cosmetico per il viso deve trattare la pelle, non la deve profumare.

Dalla detersione al siero, dalla doccia al make up prima di uscire: prendiamoci cura della pelle, coccoliamola con la giusta profumazione.

Oggi più che mai!

olio essenziale

*La VII Modifica alla Direttiva Cosmetici comunitaria (Direttiva 2003/15/EC) http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/prodotti_cosmetici/doc/2003_15_it.pdf, recepita in Italia dal Decreto Legislativo, approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri n. 193 del 3 febbraio 2005, introduce un nuovo obbligo per quanto riguarda l’indicazione in etichetta di 26 sostanze, quando presenti nel cosmetico oltre una certa concentrazione, in modo che i consumatori, che dovessero risultare allergici ad una o più di esse, possano compiere una scelta consapevole. Queste 26 sostanze, sintetiche o naturali, sono presenti soprattutto nelle fragranze (es. oli essenziali) che vengono impiegate nei profumi utilizzati in molti prodotti cosmetici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: